Appuntamenti al BILBOBUL! Bologna, 1- 4 marzo 2012

Vi invitiamo anche quest’anno al BilBOlbul, il festival internazionale dedicato al fumetto d’autore che presenta, come ogni edizione, le opere di grandi artisti e di giovani talenti della scena nazionale e internazionale. Ecco gli appuntamenti da segnare in agenda:

BIL BOL BUL RAGAZZI


Con Fiato Sospeso di Silvia Vecchini e Sualzo, uno dei volumi più amati della collana Tipitondi di Tunué. In programma la mostra (fino al 24 marzo 2012), la presentazione del libro e i laboratori di disegno:

* Sabato 3 marzo, ore 17:00
Libreria Irnerio, via Irnerio, 27

Apre la mostra Prima del tuffo, che riunisce stampe, tavole originali e le matite che hanno portato alla creazione del graphic novel. A seguire l’inaugurazione, presentazione del libro e il laboratorio di disegno con Sualzo, per imparare a disegnare Olivia, Leo e gli altri portagonisti della storia.

*Domenica 4 marzo, ore 11:00
Biblioteca Salaborsa, Piazza Coperta
Sualzo dedica libri e disegna per grandi e piccini

*Domenica 4 marzo, ore 11:00
Biblioteca Salaborsa Ragazzi
Laboratorio di disegno per bambini


vvv
vvvvv

PROGRAMMA INCONTRI BIL BOL BUL


L'uomo bonsai - Fred Bernard

Per gli incontri all’interno del programma del festival  Bil BOl Bul, ospite un grande autore francese che ha affascinato i lettori con la poesia del suo graphic novel L’uomo Bonsai (Tunué, Prospero’s Books), ovvero Fred Bernard.

*Domenica 4 marzo, ore 15:00
Libreria Irnerio – Via Irnerio, 27

Specchi di diversità. Eroi, uomini, alberi è il titolo dell’incontro con Fred Bernard, interviene Otto Gabos. Il vasaio Amedée, protagonista di L’Uomo Bonsai di Bernard, si trasforma in una creatura venerata e immortale a causa di un seme che gli germoglia in testa. Storia e tradizione orientale ruotano attorno a una figura forse leggendaria, sicuramente tragica.

 

Nuvole e arcobaleni - Susanna Scrivo

 

Sempre tra gli incontri in programma, Susanna Scrivo, con il suo saggio Nuvole e arcobaleni.

Con: Jacopo Camagni, Massimiliano De Giovanni, Nino Giordano, Giulio Macaione e Veruska Sabucco. Intervengono: Massimo Basili e Valeriano Elfodiluce.

*Domenica 4 marzo, ore 15:30
Libreria Igor – Via San Petronio Vecchio, 3

Che cos’è il fumetto glbt? Il saggio di Susanna Scrivo, Nuvole e arcobaleni, ha cercato di spiegarlo attraverso una panoramica generale del fumetto a tematica omosessuale. Un incontro che, partendo da questo libro, prova a fare il punto sui fumetti glbt usciti in Italia, su quelli che verranno pubblicati a breve e su quelli che, probabilmente, non verranno pubblicati mai.

Tunué a Roma Comics and Games 2012

romacomics and games 2012

Torna, alla seconda edizione, il RomaComics and Games, la manifestazione romana dedicata al mondo dei fumetti, videogames, giochi di ruolo, audiovisivi e al cosplay.

Un weekend di relax divertimento dal 2 al 4 marzo 2012, dedicato agli appassionati, ai curiosi e ai ragazzi di tutte le età! Vi aspettiamo al nostro stand che vedrà avvicendarsi la presenza di una fitta schiera di autori:

Da Fabio Bartoli, autore del divertente diario di viaggio Vado Tokyo e torno, e dell’ultimo saggio Mangascienza. Messaggi filosofici ed ecologici nell’animazione fantascientifica giapponese per ragazzi a Serenella Di Marco autrice di Fumetto e animazione in Medio Oriente passando per Fabrizio Mazzotta grandissimo doppiatore e coautore dello spassoso: I Puffi. Storia e successo degli strani ometti blu, (con Davide Caci).

E ancora Marina Novelli, autrice del graphic novel Cambio pelle, Stefano Piccoli autore di Root 66, e infine Antonio Recupero sceneggiatore del graphic novel Non c’è truccoAndrea Tosti autore dell’apprezzato saggio Topolino e il fumetto Disney italiano. Storia, fasti, declino e nuove prospettive

Pronti ad incontrare il pubblico con disegni e dediche.

Non mancate!

romacomics and games 2012

David Rubín a Roma: Session dediche

David Rubin

In occasione della riedizione italiana del grande successo di La sala da tè dell’orso malese (da fine febbraio in tutte le librerie) David Rubín incontra i suoi lettori nella Capitale.

Presentazione del volume e sessione di dediche il 1 marzo 2012, alle ore 17:00, presso la fumetteria Forbidden Planet di via Pinerolo 11/13/15, Roma.

Vi aspettiamo!

 

La sala da tè dell'orso malese di David Rubin

La new wave del fumetto spagnolo

La sala da tè dell'orso malese di David Rubin

Qual è il segreto del successo degli autori spagnoli di nuova generazione? Quali sono i graphic novel che più hanno riscosso l’attenzione del pubblico, nazionale e internazionale? E’ possibile parlare di una new wave del fumetto spagnolo? E nel frattempo, in Italia, cosa sta succedendo?

Questi e altri interessanti interrogativi saranno al centro dell’incontro La new wave del fumetto spagnolo, mercoledì 29 febbraio 2012 alle ore 19:00, presso l’Istituto Cervantes di Roma, Sala Mostre, in Piazza Navona 91, Roma.

Ospiti: David Rubín, il pluripremiato autore galiziano, giovane e affermato talento della nona arte, autore del graphic novel La sala da tè dell’orso malese (Tunué nuova ed. 2012) e del recente L’Eroe (2011)Daniele Bonomo, in arte Gud, uno degli autori più interessanti nel panorama italiano ed esperto del fumetto a 360°, che sta lavorando tra l’altro ad un volume sceneggiato dalla grande scrittrice Dacia Maraini, La notte dei giocattoli ed il giornalista di La Repubblica Francesco Fasiolo, esperto di fumetto e autore del saggio sul graphic jornalism di prossima uscita: Italia da fumetto.

Vi aspettiamo, non mancate!

 

29 febbraio 2012 ore 19:00
La new wave del fumetto spagnolo.
Un incontro con gli autori David Rubín, Gud e il giornalista Francesco Fasiolo
Istituto Cervantes di Roma – Sala Mostre
Piazza Navona, 91
00185 Roma

 

Torna La sala da tè dell’orso malese di David Rubín

La sala da tè dell'orso malese di David Rubín

La sala da tè dell’orso malese torna in libreria con una nuova ristampa, in uscita dal 24 febbraio. Ti invitiamo alla lettura e a partecipare al nostro contest per vincere una copia omaggio. Basta cliccare sul link per tentare la fortuna, in bocca al lupo!

Puoi vincere una copia del volume partecipando al nostro contest!

contest chiuso: scopri chi ha vinto

La lista di premi vinti da questo volume è lunga: solo in Spagna quattro nominations ai premi della 25° edizione del Salone del Fumetto di Barcellona: “Miglior opera nazionale“, “Miglior sceneggiatura”, “Miglior disegno” e “Autore rivelazione” (vincendo poi il premio in quest’ultima categoria). Vincitore dei Premi della Critica 2007 nella categoria “Miglior opera dell’anno” (permettendo a Rubín concorrere come finalista nella Prima edizione del Premio Nazionale di Fumetto) E nel palmares internazionale:  “Migliore opera straniera” del 2009 al Komikfest di Praga e “Miglior autore straniero” al Festival FullComics & Games di Sarzana, in Italia.

– Un graphic novel che colpisce al cuore.

« Con il fumetto (La sala da tè dell’orso malese, ndr.) aperto nelle mani
i sentimenti di radicato abbattimento dei personaggi saranno vostri, così come
le sensazioni di sollievo e di speranza con le quali terminano sempre questi racconti.
La sua suggestione, al tuffarvi in questo album,
vi darà una lettura di autenticità allo sconforto e alla tenerezza
e legittimerà questa sofferenza.
E comunque, alla fine, è finzione.
E la finzione si giustifica solo quando ci trasmette qualcosa.
Sotto questo aspetto, Rubín è fottuta fibra ottica.»

(Jose V. Galadi)

Una sala da tè è il punto di partenza, che dà adito ad ogni tipo di storia e permette a Rubín di esplorare tantissime situazioni, personaggi e, perfino, generi. Quella di Sigfrido, l’orso saggio che offre un bicchiere ai più diversi ospiti protagonisti dei vari racconti, è più di tutto una sala di sostegno terapeutico. Ogni singolo cliente porta con sé il proprio inferno personale, in cerca di una consolazione. Storie tristi e storie felici, sempre poetiche, drammi di ogni giorno, sogni d’amore e gloria.

Incontri con l’autore in Italia il 29 febbraio e il 1 marzo 2012.

In occasione dell’uscita del libro sarà possibile incontrare David Rubìn nella Capitale il 29 febbraio 2012 presso l’Istituto Cervantes de Roma per un’incontro sulla new wave del graphic novel spagnolo.

Il giorno seguente, il 1 marzo 2012 alle ore 17:o0, la presentazione del volume e sessione dediche alla libreria Forbidden Planet, Via Pinerolo 11/13/15, Roma.

Tutti i dettagli nella sezione Eventi.

– L’intervista tratta dal blog ufficiale di David Rubín

#Qual è l’origine della velata malinconia che aleggia nelle tue storie? Da dove viene e dove ci porta?
David Rubín- La sala da tè dell’orso malese racconta le difficoltà, i problemi e i sentimenti nostalgici delle persone comuni, ma con un velo di speranza. L’orso Sigfrido è quasi uno psicologo volontario che fa crescere nei suoi “ospiti-pazienti” la fiducia nella solidarietà fra vicini. La sala da tè è nata in un momento buio della mia vita, in cui avrei avuto bisogno di un amico come Sigfrido e di un posto come la sala da tè in cui rifugiarmi e trovare sollievo alle mie sofferenze e ai miei pensieri quotidiani.

#Quale, tra i tanti personaggi che si trovano a passare nella sala da tè dell’orso malese, è quello a cui sei più affezionato?
D. R. – In realtà non sono affezionato ad un personaggio in particolare, in origine al posto di Sigfrido c’erano una Medusa ed un Supereroe cieco; La sala da tè dell’orso malese è nato come una storia a puntate su una rivista a fumetti spagnola. Nel momento in cui è divenuto un graphic novel i personaggi sono cambiati totalmente. Ora che ci penso sono più affezionato alle tetería, al luogo più che ai suoi ospiti.

#Passi con disinvoltura dal cinema di animazione al fumetto. Cosa passa del fumetto nel tuo cinema e viceversa? Quale dei due linguaggi riesce a esprimere meglio le voci che abitano il fondo della tua mente?
D. R. – Mi ritengo un regista più che un autore di fumetti. Per esprimersi con il fumetto bisogna conoscere e apprendere i segreti e le capacità delle altre arti affini. Non credo che il cinema esprima meglio del fumetto i miei più profondi pensieri o viceversa. Racconto ogni idea, ogni storia con il mezzo che la può far arrivare al pubblico nel modo migliore. Nel linguaggio che la può far comunicare pienamente.

#Nei tuoi graphic novel sembrano echeggiare elementi presi dal cinema e dalla letteratura. Quali sono i tuoi modelli?
D. R. – Sono un amante del cinema italiano d’autore: Fellini, Pasolini e Rossellini; ma la mia vera passione è la mitologia.

– Dove si è mai visto? Un supereroe cieco!!

La sala da tè dell’orso malese nasce da una serie di storie brevi, apparse in precedenza su varie riviste e ma rielaborate e riscritte dall’autore in conformità stilistica. La vitalità del segno dell’autore, questa volta nel bianco e nero, giocando di contrasto genera un sentimento estraniante e unico che conquista alla prima lettura.

Si affacciano anche in questo volume, come succede spesso nelle opere di Rubín rimandi e citazioni, che i lettori possono divertirsi a scoprire.

La sala da te dell'orso malese David Rubin

La nuova grafica per la ristampa

Per tutti i fan e i collezionisti che non vogliono perdere neanche un disegno del loro autore preferito, segnaliamo anche che questa nuova edizione del volume riporta una rivisitazione della veste grafica, in particolare per la quarta di copertina, di cui riportiamo un piccolo assaggio!

La sala da tè dell'orso malese di David Rubin