Premio Carlo Boscarato #TCBF 2014

Il Treviso Comic Book Festival torna anche quest’anno. La città ospiterà numerosissimi eventi legati al mondo del fumetto e dell’illustrazione internazionali tra cui, come da tradizione, il Premio Carlo Boscarato 2014. Istituito in memoria dell’autore che insieme a Claudio Nizzi rese possibili le avventure di Larry Yuma, il cowboy col sigaro perennemente in bocca, rappresenta un appuntamento imperdibile per chiunque voglia intercettare le migliori novità della «letteratura disegnata». Proprio per questo siamo felici di poter condividere con voi le nostre nomination. Sono tante e ne siamo onorati:

 

MIGLIOR FUMETTO STRANIERO

“L’Eroe” di David Rubin

MIGLIOR AUTORE STRANIERO

Enrique Fernandez su “L’isola senza sorriso”

MIGLIOR SCENEGGIATORE ITALIANO

Adriano Barone su “Uno in diviso”

Daniele Mocci e Alessio Santa su “La Principessa che amava i film horror”

MIGLIOR REALTÀ EDITORIALE ITALIANA

Tunué

AUTORE RIVELAZIONE

Isaak Friedl su “Sottobosco”

MIGLIOR COLORISTA

Elena Grigoli su “La Principessa che amava i film horror”

MIGLIOR FUMETTO PER BAMBINI/RAGAZZI

“Viola giramondo” di Stefano Turconi e Teresa Radice

 

clown-copia

 Vi aspettiamo tutti al #TCBF alle premiazioni del 28 settembre e dal 24 per al 28 allo stand Tunué. Intanto: dita incrociate!

Tony Sandoval approda negli USA

E’ ufficiale, Tony Sandoval arriverà presto negli USA edito da Magnetic Press.

Il disegnatore che racchiude in tavole mai uguali l’animismo alla Miyazaki, il candore macabro di Burton, il simbolismo immanentistico del fantasy, il duello bene-male del western sempreverde, la musica-redenzione, troverà finalmente i suoi fan oltreoceano: Magnetic Press ha annunciato l’uscita di Doomboy per Settembre.

Doomboy si era già fatto amare in Europa, selezionato come “Coup de Coeur”  ad Angoulême, e non a caso: nelle tavole di Sandoval i cuori subiscono autocombustioni, implosioni, evaporazioni. Sandoval accede all’invisibile dei sentimenti, mostrandoci che il legame tra presenza e assenza, amore e dolore, vita e morte, è la fantasia più reale che esista: in sostanza, solo quando siamo spacciati (“doomed”) viviamo e amiamo davvero.

In Italia, Tunué ha già pubblicato di questo autore  Il cadavere e il sofà, Nocturno, Oltre il muroDoomboy e Watersnakes.

Rimaniamo ora in trepida attesa che Sandoval faccia breccia anche nel cuore degli americani!

doomboy

#dieciannitunue – andiamo all’università!

Prima fanzine, poi sito, e infine casa editrice, Tunué ha avuto l’evoluzione di un bambino che nasce già saggio e ringiovanisce nel tempo, guadagnando in  spontaneità, dinamismo, e gusti. Le prime pubblicazioni infatti, sono volumi di saggistica che rispondono all’interesse degli addetti ai mestieri o di chi vuole diventarlo. La saggistica Tunué si legge con fame di sequenzialità (provate a leggere una Virgola o un Lapillo, non resisterete a leggerne un altro). Nel tempo i volumi di saggistica hanno nutrito la linea editoriale originale, articolandosi grazie alla curatela del responsabile scientifico Marco Pellitteri, in cataloghi come Esprit (pop culture giapponese, videoarte, cinema e cartoon), Lapilli (mangascienza, documentario, animazione, letteratura popolare, graphic journalism, fumetti politici, cosplay, videogioco, fumetto umoristico, fumetto al femminile), Lapilli giganti (biografie, antologie, storia del fumetto), Frizz (kawaii art, cinema horror, sessualità, tecnologia vintage, etc.), Manuali (lettering, sceneggiatura, fumetto digitale e non), Virgole (monografie, serie televisive, cartoon etc.).

Massimiliano Clemente, direttore editoriale, spiega in una recente intervista che il catalogo di saggistica Tunué è forse l’unico così altamente strutturato. Gli autori sono in parte professori universitari. Tunué ha vinto per la saggistica un bando internazionale per la traduzione in inglese e la commercializzazione in tutto il mondo di Il drago e la saetta (Marco Pellitteri).

I saggi Tunué sono tuffi in un argomento, come li definisce la responsabile dell’ufficio stampa Isabella Stefanelli, tuffi da un’altezza ben ponderata. Le università se ne avvalgono per i loro seminari di approfondimento, ne è un esempio Il fumetto supereroico. Mito, etica, e strategie narrative (Marco Arnaudo) adottato come testo didattico alla Johns Hopkins University.

A dieci anni Tunué insomma va già all’università, auguri al bimbo prodigio!

arnaudo

#dieciannitunue – Il primo incontro con Paco Roca

Dieci anni di attività significano anche dieci anni di incontri con persone straordinarie, talenti inenarrabili se non attraverso opere bellissime che abbiamo pubblicato, piccole particolarità caratteriali, tic e grandi cuori sensibili.

Tanti anni di attività significano anche una memoria interminabile di racconti, suggestioni e soprattutto una libreria ( e scusate il gioco di metafore! ) vastissima piena di aneddoti da raccontare.

Con questa tavola divertentissima di Emotional World Tour (pagina 73), vi raccontiamo il primo incontro tra noi editori, nello specifico il nostro intraprendente direttore amministrativo Emanuele Di Giorgi e il grande autore di graphic novel Paco Roca.

Vi renderete conto che gli incontri fortunati nascono da una scintilla magica, da un’empatia inspiegabile, nascono in luoghi e tempi inaspettati. Insomma, certe preziose occasioni nascono grazie a delle belle bevute insieme! Facciamo un bel cin cin virtuale tutti insieme per i #dieciannitunue!

paco-e-emanuelevero

Buona lettura con i nostri titoli, e ancora cin cin!

Paco Roca nominato cittadino onorario di Valencia

Paco Roca

Paco Roca può aggiungere un’altra tappa importante al suo Emotional world tour. La città di Valencia, dove l’artista è nato, lo ha nominato cittadino onorario. Si tratta di un riconoscimento di alto valore simbolico, che premia  l’apporto culturale delle opere realizzate. Non a caso, la Commissione Cultura ha insignito dello stesso titolo anche l’imprenditore Juan Roig e sua moglie Hortensia Herrero, per il loro impegno nel patrocinare iniziative in settori diversi quali l’ecologia, lo sport, e l’educazione.

Foto di paco_roca_1_web

Nelle sue emozionanti graphic novel, Roca spazia dagli scenari più immaginifici a quelli più realistici con il piglio sensibile di un artista che vive la Storia e le storie in punta di matita. Commuoventi vicende personali e eventi nazionali si intrecciano, mostrandoci come l’esistenza individuale e quella collettiva si investano reciprocamente di senso ad ogni momento.

Temi sociali, letterari, e ricostruzioni storiche nutrono l’indole creativa e riflessiva di questo autore: è così che, sfogliando i suoi lavori, possiamo trovarvi tanto riferimenti agli avventurosi viaggi di Gulliver, quanto toccanti ritratti della malattia dell’Alzheimer, tentativi di comprendere i meccanismi che innescano le perversioni delle dittature per disinnescarli una volta per tutte, e divertenti incursioni autobiografiche che ci regalano il dietro le quinte di questi libri ricchi in materia e delicati nello stile.

dibujante_paco_roca

Di Paco Roca Tunué ha pubblicato Il faro (2007), Rughe (2008), Le strade di sabbia (2009), L’inverno del disegnatore (2011), Emotional World Tour (2012), Memorie di un uomo in pigiama (2012), I solchi del destino (2013), Il gioco lugubre (2013). Oltre a conseguire numerosi premi, tra cui il Romics D’Oro (2013), il Gran Premio Romics (2009), e il Gran Guinigi (2008), il suo stile ha conquistato i nostri lettori facendo guadagnare a Roca piena cittadinanza anche sugli scaffali delle librerie italiane.

A presto per scoprire insieme le prossime avventure disegnate di Paco Roca!