#fumettialsole e Semplice

Immagine

Dopo aver parlato dei titoli ispanici L’isola senza sorriso e de Le strade di sabbia, la rubrica estiva #fumettialsole si sposta in Italia per parlare di un graphic novel che sta conquistando ancora oggi critica e pubblico: Semplice di Stefano Simeone!
Il titolo ha vinto il Premio Boscarato (TCBF) come “Autore rivelazione” e il premio Romics 2013 come “Miglior libro italiano”!
Vi ricordiamo che il titolo è disponibile sul nostro store con uno sconto del 15% se inserite il codice “fumettialsole” nel carrello!

La storia ha come protagonista Mario, un giovane operaio che vive in provincia.
Il ragazzo trascorre le sue giornate a immedesimarsi nei panni di un supereroe, intento sempre a salvare il mondo dalle grinfie del male con dei superpoteri che temono tutti i suoi nemici.
Quando invece si ritrova a sbattersi continuamente con la dura realtà e con le fatiche che questa riserva ogni giorno a Mario.
Il ragazzo però non sa che la sua fervida immaginazione è il suo superpotere, la sua arma vincente per affrontare la realtà con coraggio e con caparbietà!
Il graphic novel viene raccontato dallo sguardo dolce e ingenuo di Mario, filtrato da echi pop e citazioni di ogni sorta; con una verve umoristica che in ogni pagina diverte il lettore.
Tutta la vita di Mario è un quadro fortemente attuale sulla società, sul mondo del lavoro e sulla vita di tutti i giorni che può condurre un sognatore proprio come Mario: perché Mario vive, sogna, ama, soffre, combatte come tutti noi.
La colorazione delle tavole esprime ogni sentimento, ogni scena emotiva, rendendo perfettamente il climax della scena.
Con questa prima opera Stefano Simeone si è fatto conoscere al grande pubblico della nona arte nostrana, grazie ad uno uso fresco e accattivante dello storytelling.

 

Pages from semplice_issuu_Page_2

 

Pages from semplice_issuu_Page_3

Intervista a Bruno Enna – Monster Allergy

Mickey-Bruno-Enna-Mouse

Ritratto di Luigi Siniscalchi

 

Dopo aver intervistato il fantastico dream team Monster Allergy, composto da Francesco Artibani, Katja Centomo, Barbara Canepa e Alessandro Barbucci, oggi bussiamo alla porta di Bruno Enna! Storico sceneggiatore di MA dal momento che ha firmato numerosi e indimenticabili episodi.
Detto questo: buona lettura!

Ci racconti un aneddoto curioso riguardo la tua esperienza in MA?

B.E.: Nel periodo in cui stavo scrivendo il n° 11 (“L’anguana di Er”) mi è capitato di sognare di essere… Bombo e di ingoiare un paio di scarpe da tennis. Ora, come aspetto fisico più o meno ci siamo, ma preferisco le ciabatte (come il mio gatto).

Aver fatto parte del team di Monster Allergy cosa ti ha lasciato?

B.E.: La voglia di scriverne ancora.

Che strumenti hai utilizzato per i tuoi lavori?

B.E.: Blocchi di appunti e un vecchio laptop (ormai in disuso).

Dopo Monster Allergy a cosa hai lavorato?

B.E.: Ho scritto per molte serie Disney (al tempo, c’era ancora WITCH) e Bonelli. Attualmente, continuo a pubblicare per queste due case editrici.

Cosa ti piace di Monster Allergy e quale pensi sia la sua eccezionale particolarità che non somiglia a nessuna altra serie a fumetti?

B.E.: Di Monster Allergy adoro tutto:  i personaggi principali e secondari, il mix (sapientemente calibrato dai suoi creatori) di avventura e umorismo. Trovo che si tratti di una serie davvero originale, molto divertente, piena di idee e invenzioni. L’originalità secondo me sta nei presupposti principali della storia che coinvolge Zick, Elena, Bombo e tutti gli altri straordinari amici (nonché nella loro “veste” grafica, a dir poco fresca e innovativa). Non si era mai visto niente del genere, nel panorama fumettistico.

In questo video esclusivo Bruno Enna saluta tutti i fan allergyci, esprimendo poi il suo entusiasmo per il finale inedito che presto leggeremo tutti quanti!
Stay tunued!

Atlas e Axis in preordine sullo store!

atlas_cov_provv

Da oggi è in preordine sul nostro store il nuovo titolo della collana Tipitondi Atlas e Axis, la saga fantasy creata dall’artista spagnolo Pau!
La storia ha come protagonisti Atlas e Axis, dei cani antropomorfi che vivono in tranquillità nel loro villaggio.
La quiete però viene interrotta da una brusca invasione di altri animali che compiono razzie e soprusi in tutto il villaggio.
Atlas e Axis partiranno quindi all’avventura per la battaglia finale, addentrandosi nei boschi, attraversando mari e oceani.
Lo stile di Pau è peculiare per via della linea chiara che riesce a dare vita ad un universo fantastico, popolato da questi animali antropomorfi, calati in un contesto fantasy dalle molteplici location. Per ingannare l’attesa, QUI potete gustarvi il trailer promozionale lanciato dall’autore stesso.
Stay tunued!

Intervista a Francesco Artibani di Monster Allergy

Dopo aver intervistato Katja Centomo, Barbara Canepa e Alessandro Barbucci, oggi pubblichiamo l’intervista esclusiva tanto attesa fatta proprio a lui, a Francesco Artibani, altro membro del dream team Monster Allergy!
Non ci resta che augurarvi una buona lettura e…
stay tunued!

1) Monster Allergy torna ad allietare le letture dei ragazzi. Come ci si sente ad essere il dream team di una delle serie più seguite in Italia?

F.A.: È una bella responsabilità, sicuramente! I ritorni, i recuperi di una serie o di un personaggio dopo tanti anni sono sempre impegnativi e rischiosi perché ci si confronta con un passato impegnativo. Allo stesso tempo sapere di poter contare sulla stessa squadra di lavoro è estremamente rassicurante, riduce il terrore del nuovo debutto.

2) Cosa vi ha spinto a scegliere la casa editrice Tunué per pubblicare il fatidico trentesimo episodio e uscire in libreria e fumetteria con la prima versione integrale delle serie mensile?

F.A.: Parlare bene di Tunué è facilissimo: è una casa editrice concreta fatta da persone concrete e competenti che hanno ben chiaro quello che dev’essere il lavoro dell’editore, compiere delle scelte e portare in libreria il miglior prodotto possibile. La proposta dell’edizione integrale e della realizzazione di un episodio inedito ci ha colpiti molto perché dietro c’è un investimento che non è solo economico ma di idee e creatività – e in un momento complesso come è quello che l’editoria a fumetti sta attraversando in Italia significa davvero tanto.

Charlie Schustler1

3) Qual è il personaggio di Monster che ha avuto gestazione più lunga e complicata? Perché?

F.A.: In realtà nessuno; per me Monster Allergy ha rappresentato un piccolo momento di beatitudine, un’oasi felice in cui i personaggi nascevano ben definiti, con caratteri decisi. Quello della seria è un cast di personaggi vivi come non me ne sono mai capitati in seguito ma a volerne trovare uno a tutti i costi forse Charlie Schuster è stato quello più complesso e delicato.

4) A cosa vi siete ispirati per realizzare la storia e i personaggi di Monster Allergy?

F.A.: Più che di ispirazione parlerei di intenzione: quando con Katja ci siamo messi al lavoro avevamo ben chiara una cosa, ossia scrivere una storia bizzarra, diversa dal solito, ricca di azione, sorprese e commedia. I modelli di riferimento erano tanti e andavano dal fumetto al cinema ma in ogni caso eravamo decisi a creare una serie a fumetti che ci sarebbe piaciuto leggere e rileggere, un racconto ricco pieno di personaggi , ambienti, spunti e situazioni in cui trovare sempre qualcosa di interessante e divertente.

5) Quali difficoltà creative avete trovato nella creazione e ideazione della serie?

F.A.: Abbiamo tutti dovuto prendere un po’ le misure all’inizio del lavoro con il tema della paura e dei mostri perché era una materia che non avevamo mai affrontato direttamente. Senza arrivare all’orrore vero o allo splatter siamo comunque riusciti a mettere in scena elementi e personaggi inquietanti, talvolta disturbanti o a toccare il tema della morte.

6) Tu che personaggio Monster sei?

F.A.: Mi sento abbastanza vicino a un Tutore (ma non a Timothy-Moth, ci tengo a prendere le distanze).

7) Allora… Svelaci qualcosa su cosa succederà nel trentesimo episodio!!!

F.A.: Qui inevitabilmente dovrò evitare la risposta, come avranno fatto anche tutti gli altri intervistati. Quelle che posso dire è che sarà una storia speciale, con un finale che, all’occorrenza, potrà diventare anche un nuovo inizio – perché certe storie vorremmo che non finissero mai!

Aldo Manuzio in preordine sullo Store!

«Vi assicuro che questo nuovo formato tascabile
sarà il futuro dei tomi
e riempirà le nostre scarselle»

Molti di voi aspettavano di sapere quale sarebbe stato il nuovo titolo della collana Prospero’s Books, perciò abbiamo deciso di sciogliere le riserve: Aldo Manuzio di Andrea Aprile e Gaspard Njock arriverà in tutte le librerie e fumetterie a partire da settembre. Non solo: da oggi potete trovarlo in preordine sul nostro Store!

Manuzio è stato uno dei più grandi tipografi di tutti i tempi: a lui sono attribuite innovazioni che si sono rivelate decisive perché il libro divenisse l’oggetto che conosciamo.

In quest’opera, il piano temporale della vicenda biografica dell’editore e dell’umanista s’intreccia con quello di due giovani d’oggi, in un continuo gioco di rimandi e dissolvenze. Luigi e Caterina, infatti, si conoscono a Venezia e ripercorrono le stesse strade di Aldo, calandoci nel mezzo di quelle sfide, e vicende personali, che l’hanno trasformato in uno dei padri della nostra cultura.

Così i disegni acquerellati di Gaspard Njock, e le parole di Andrea Aprile, raccontano come il sapere universale del mondo classico continui a illuminare il nostro immaginario, e come l’amore per i libri possa creare un legame indissolubile tra persone di generazioni diverse.

 

SFOGLIA L’ANTEPRIMA

manuzio_cov_Store