iLikeBooks

Incentivare la lettura e la conoscenza diventano urgenze prioritarie per permettere al nostro Paese di recuperare competitività e invertire il processo di declino in atto, questo è il dato più importante evinto dal «Rapporto sulla promozione della lettura in Italia» curato dal Forum del Libro e stilato dal Dipartimento per l’informazione e l’editoria del Governo italiano 2013.

Da qui prende il via la scommessa di Tunué, che propone la possibilità per aziende, fondazioni, mecenati e liberi cittadini di donare dei libri a biblioteche, scuole, associazioni, le quali costituiscono la linfa vitale per la promozione della lettura, ma sono penalizzate dalla penuria di risorse da investire.

Basterà scegliere quale istituzione omaggiare di libri e Tunué si occuperà di recapitare la donazione al destinatario e di comunicare l’iniziativa.

Sensibile alla causa secondo la quale un Paese migliora in base a quanto legge Tunué desidera porsi come prezioso anello della catena che lega le istituzioni culturali ai lettori – cittadini italiani – la cui curiosità intellettuale va stimolata per acquisire consapevolezza e spirito critico.

Per creare un circolo benefico che promuova la lettura Tunué si prefigge l’obiettivo di far scegliere al donante a quale ente regalare il pacchetto prescelto tra le tre tipologie : silver, gold e platinum

I libri del pacchetto titoli prescelto verranno contrassegnati con uno speciale adesivo indicante il nome del donatore e la casa editrice Tunué si occuperà di progettare anche  la campagna di comunicazione e  della relativa spedizione.

Si tratta di creare una vera e propria catena il cui anello fondamentale è costituito da coloro che prenderanno a cuore l’importante missione di cui sono investite per natura le istituzioni: mettere a disposizione il tesoro che è un libro, sinonimo di crescita e consapevolezza.

Diventa donatore di libri e contribuisci alla crescita del tuo Paese.

Per maggiori informazioni:

Emanuele Di Giorgi
ilikebooks@tunue.com
06 96022270
3284721814

Autore dell'articolo: Michele Garofoli