LuccaCG17: prenota il tuo posto al concerto di Francesco Taskayali

prenota il tuo posto al concerto di Francesco Taskayali

La serata del 2 novembre a Lucca Comics & Games sarà una serata di musica e fumetto: il compositore e pianista Francesco Taskayali dedicherà un intero concerto al fantastico graphic novel  Nottetempo di Luca Russo presso l’Auditorium San Girolamo, dove le note del pianoforte si accompagneranno alla proiezione delle immagini tratte dal libro.

L’appuntamento è alle ore 21:30 e da oggi potete prenotare il vostro posto in sala compilando questo Modulo.

Ricordiamo, inoltre, che 15 posti in prima fila sono stati assegnati ai vincitori del contest dedicato all’evento e ringraziamo tutti i partecipanti per aver giocato, in tanti, insieme a noi.


Francesco Taskayali

Francesco Taskayali (Roma, 4 luglio 1991) è un giovanissimo compositore e pianista italo-turco. Comincia a comporre musica per pianoforte all’età di tredici anni: il suo talento si concretizza in 3 album di successo, Emre (2010), LeVent (2011) e Flying (2014), accompagnati da lunghe tournée in Italia e nel mondo. Nel 2017 pubblica il suo quarto album “Wayfaring” per l’etichetta INRI Classic, nata dall’unione di intenti dell’etichetta indipendente INRI e Warner Music Italy.

Il suo talento, in grado di innestare sullo studio di autori classici stili moderni e contemporanei che vanno dal minimalismo di Ludovico Einaudi al jazz di Keith Jarrett, lo caratterizza per un eclettismo sorprendente. Nonostante la giovane età, tra i palchi calcati dal maestro ci sono Londra, Parigi, Colonia, Caracas, Roma, Istanbul, Salonicco, Atene, Marsiglia, Addis Abeba, Nairobi, Bucarest, Jakarta, Berlino, Tbilisi, Kiev, Los Angeles e molti altri.

Il 19 maggio viene pubblicato per INRI Classic il quarto album Wayfaring, che entra direttamente nella classifica FIMI dei 100 album più venduti della settimana.


Il libro

 

 

 

 

 

 

 

16,90 €

Collana: Prospero’s Books Extra 29
Formato: 19,5x27; pp 120 a colori; cartonato

 

Sfoglia l’anteprima

 

Autore dell'articolo: Claudia Papaleo