Le piccole donne Tipitondi

Piccole donne crescono. In occasione della festa a voi dedicata vi auguriamo una buona lettura in compagnia delle beniamine Tipitondi, protagoniste delle meravigliose storie a fumetti Tunué dedicate a un pubblico young adult che piacciono tanto anche ai genitori. Giulia, Amina, Aurore, Viola, Maya, Elena, Olivia e Mamette sono ragazzine accomunate dal forte temperamento e dal grande coraggio.

A voi cari lettori, affidiamo il messaggio insegnatoci dalle nostre eroine: imparate ad affrontare le difficoltà rimanendo sempre voi stessi, siate forti, capaci di seguire l’intuito, non temete le fragilità, abbiate sempre la forza di dare espressione alla creatività. La collana Tipitondi è nata anche per darvi una preziosa occasione in più, cari mamma e papà, per passare del tempo con i bimbi a leggere le nostre storie.

Scopriamo insieme quali sono i graphic novel che vedono protagoniste le piccole donne Tipitondi grazie all’offerta Completa la tua collezione piccole donne Tipitondiscegli nell’elenco della pagina prodotto i 5 titoli che preferisci e dopo aver cliccato sul carrello, scrivi la tua selezione nell’apposito spazio riservato ai messaggi.

foto_tipitondi_pinocchio

Pinocchio 
di David Chauvel e Tim McBurnie
La fata Turchina, guida spirituale di Pinocchio, lo accompagna nel percorso di trasformazione fisica e interiore da burattino di legno a bimbo in carne ed ossa.

foto_tipitondi_dammi
Dammi la mano
di Simona Binni
Maya è un adolescente divisa tra il desiderio di diventare adulta e una profonda ingenuità di chi è ancora bambina, cresce arricchita dall’amicizia con Jonathan. Entrambi provengono da contesti familiari difficili e a scuola sono spesso soggetti a richiami disciplinari. La storia inizia proprio da quando i due ne combinano nuovamente una…

foto_tipitondi_monster

Monster Allergy 
di Artibani, Centomo, Barbucci, Canepa
Come resistere alle avventure di Elena Patata insieme allo stranissimo amico Zick e all’irresistibile mostro Bombo? Alla scoperta di un mondo popolato di mostriciattoli, domatori e mutaforma.
(Per la scelta dei 5 titoli dei prodotti Monster Allergy è possibile inserire solo il numero 30, le spille e gli adesivi).

foto_tipitondi_mamette
I ricordi di Mamette volume 1 
di Nob
Fra mansioni di tutti i giorni, grandi amicizie, e amori sul nascere, su Mamette e il mondo intero si affaccia un periodo difficilissimo, quello della Seconda guerra mondiale. La nonnina più tenera del mondo ricorda della sua giovinezza in campagna.

I ricordi di Mamette volume 2 
di Nob
Dopo il successo del primo volume, I ricordi di Mamette torna a farci sorridere con la sua galleria di personaggi colorati, personaggi che affrontano i piccoli ostacoli della quotidianità, che sbuffano, si fanno coraggio e scoprono passo passo come la vita non sia poi tanto male.

foto_tipitondi_amina
Amina e il vulcano 
di Simona Binni
Amina, ragazzina rimasta orfana di madre, viene mandata dal padre a trascorrere un periodo di vacanza sull’isola di Stromboli, dai nonni materni. È qui che la piccola entrerà in contatto con la splendida e intensa natura dell’isola e del vulcano, e s coprirà una verità sconcertante sulla sua famiglia…

foto_tipitondi_viola
Viola giramondo 
di Stefano Turconi e Teresa Radice
Una ragazzina viaggia con il circo di famiglia scoprendo paesi meravigliosi e incontrando personaggi straordinari. Un graphic novel che racconta quanto sia bello crescere, dedicato ai giovani lettori della collana Tipitondi.

foto_tipitondi_aurore
Aurore
di Enrique Fernandez
Nelle terre innevate del Nord uno strano prodigio trasforma Aurore in pietra, e disorienta la sua tribù. Per riuscire a salvare la sua gente è necessario inventare una canzone che sappia raccontare il suo popolo e la sua tradizione, per tramandare per sempre alle generazioni future chi sono e da dove vengono.

foto_tipitondi_notte

La notte dei giocattoli 
di Gud e Dacia Maraini
È notte nella cameretta della piccola Giulia, una bimba dalla fervida immaginazione, quando all’improvviso alcuni vecchi giocattoli prendono vita. La bambina viene coinvolta nelle loro storie d’amore, di guerra e di poesia.

foto_tipitondi_fiato

Fiato sospeso 
di Silvia Vecchini e Sualzo
Quello che Olivia non si aspetta è che tutto possa cambiare grazie al coraggio che nasce dall’amicizia e dalla fiducia in se stessi. Olivia sceglie di uscire dal guscio di protezione e isolamento che negli anni si è come chiuso attorno a lei. E il fiato si fa sospeso, come prima di un tuffo.

COMPLETA LA TUA COLLEZIONE TIPITONDI
VIENI IN FIERA CON NOI
IL REGGILIBRI TUNUÉ

 

Completa la tua collezione Tipitondi

Collezionare graphic novel è meraviglioso, poter conservare i titoli più amati nella propria libreria costituisce un tesoro di inestimabile valore.
Negli anni avete imparato ad amare tutti i titoli della nostra collana Tipitondi, a conoscerli tanto da intenderli quasi come personaggi veri e propri più che come semplici Storie. La collana è indirizzata ai lettori junior (+6), che attraverso il fumetto e il racconto illustrato arricchiscono il lettore di domani e incantano i genitori.

I Tipitondi sono tipi davvero speciali. Nella loro rotondità simbolica celano la morbidezza e il gioco, il divertimento pensante, la curiosità creativa, i movimenti fluidi e coerenti, la continuità di una melodia, l’attitudine pop alla contaminazione di segni e narrazioni.
Non rifuggono gli spigoli dei conflitti, ma li affrontano con la loro predisposizione all’accoglienza, alla mediazione, al rispetto. Sono insiemi aperti di condivisione. Intelligenze elastiche. Esploratori della conoscenza.

Per darti modo di diventare collezionista Tipitondi, dopo aver aggiunto nel carrello uno dei due pacchetti, ricorda di inserire nel box commenti del tuo ordine l’elenco a scelta dei 10 o 5 titoli.

                     

 

atlas_montata_STORE                                                     tim_montata_STOREdammi_montata_STORE                                                      amina_montata_STORE

mamette_montata_STORE                                                      ricordi_mamette2_montata_STOREoliver1_montata_STORE                                                     oliver2_montata_STOREaurore_cover_montata_STORE                                                 isola_montata_STOREviola_montata_STORE                                                      ndg_montata_STOREmuro_montata_STORE                                                   piccolo_pierre_montata_STOREtom_montata_STORE                                                    giro_80_montata_STORE

fiato_cover_montata_STORE

 

 

 

 

 

#dieciannitunue : le molteplici forme della narrativa

La narrazione ha tante forme, si insinua nello spazio bianco tra due vignette di un fumetto, fa del graphic novel un genere a sé stante, prende cittadinanza piena nei racconti e nei romanzi.

Tunué, – dice il direttore Massimiliano Clemente in una recente intervista per sbacomics -, ha sempre avuto come tratto distintivo un’attenzione particolare alla letteratura e alla narrativa.

Nel corso degli anni, questa attenzione si è concretizzata nella selezione di eccellenti sceneggiatori per i fumetti, basti menzionare che  Daniele Mocci e Alessio Santa hanno ricevuto una nomina per la sceneggiatura di La Principessa che amava i film horror al Treviso Comics Books Festival. Ma si è anche conrcetizzata nella scelta di graphic novel dalle trame finemente lavorate, documentate, realistiche da una parte (pensiamo ad esempio a I Solchi del Destino di Paco Roca, collana Prospero’s Book), e dall’altra immaginifiche, surreali, evocative (ad es. gli scenari onirici di Tony Sandoval nella collana Le Ali).

banner_solchi_del_destino_SITO

Una precisa scelta editoriale è stata quella di dedicare una parte della collana delle graphic novel agli adattamenti letterari: Il tempo materiale di Giorgio Vasta (disegnato da Luigi Ricca), Canale Mussolini di Antonio Pennacchi (sceneggiatura: Massimiliano e Graziano Lanzidei; disegni: Mirka Ruggeri), Uno in diviso di Alcide Pierantozzi (sceneggiatura: Adriano Barone; disegni: Fabrizio Dori), La notte dei giocattoli di Dacia Maraini (illustrato da Gud). I motivi che hanno condotto a questa scelta sono stati molteplici: la qualità letteraria, in prima istanza. L’orgoglio di uno scrittore locale, per quanto riguarda Canale Mussolini. Una storia ai limiti dell’imaginazione, per Uno in diviso (nomina al Premio Boscarato 2014 per la sceneggiatura). Una vicinanza di sensibilità artistiche e impegnate, nel caso di La notte dei giocattoli.

banner_canale_mussolini_SITO

L’adattamento letterario presentifica i volti e gli scenari che, leggendo un romanzo, avremmo solo immaginato. Ci introduce alla sequenza visiva che era in filigrana nella fantasia dello scrittore quando ha composto il suo romanzo. Infine, dà al romanzo una nuova forma, più leggera e più incarnata al tempo stesso, più lusinghiera per gli occhi.

Grande atteso, – anticipa Massimiliano Clemente -, è Sostiene Pereira di Antonio Tabucchi, il cui graphic novel sarà presto sugli scaffali dei nostri lettori appassionati.

Quanto alla neonata collana romanzi, ulteriore espressione delle molteplici forme della narrativa Tunué, ne parleremo nel prossimo articolo #dieciannitunue!

AI FIL GUD una mostra in bianco e nero

banner_fb_aifilgud

Sabato 18 gennaio, alle ore 19.30, inaugura la prima personale con opere originali e tavole in edizione esclusiva del fumettista GUD.
Per la prima volta l’HulaHoop Club ospita sulle sue pareti un fumettista: GUD.
AI FIL GUD è un gigantesco refuso che diventa il titolo di una mostra su carta e tela. Una mostra in bianco e nero con le tavole del blog dell’artista e insegnante di fumetto che tratteggia i momenti salienti dei suoi viaggi e dei tormentoni televisivi raccontati in diretta.
Dopo aver disegnato le parole di Dacia Maraini in La notte dei giocattoli, GUD ci ha spiegato che Tutti possono fare fumetti, mentre le sue matite correvano sul suo blog trasformando le perplessità giornaliere dell’autore in tratti semplici in cui la riflessione diventa ironica. GUD disegna la sua quotidianità che è la nostra, il suo alter ego racconta quello che ci fa ridere o ci lascia basiti.

In AI FIL GUD in corso fino all’11 febbraio 2014, GUD espone un lavoro inedito che racconta impressioni, sensazioni, immagini, sapori: i suoi viaggi e la TV che ci fa più ridere.
AI FIL GUD è un’ulteriore prova per il fumettista che si inserisce nell’HulaHoop e tra i libri della libreria L’ETERNAUTA e racconta lo spazio multiforme e poliedrico che lo accoglie, sulle sue tele GUD ballerà, salirà sul palco per recitare e fare musica, farà sulla tela ciò che gli altri artisti fanno tutte le sere sul palco che lui occuperà il 18 gennaio per la sua performance live.

Prima delle dediche sui libri, durante un’intervista live di Daniela Odri Mazza, blogger e redattrice esperta di comunicazione e fumetto, collaboratrice del magazine online «Fumettologica» e della rivista «Fumo di China», GUD realizzerà l’ultima tela della sua personale che si protrarrà fino all’11 febbraio 2014.

locandinaifilgud_web

L’autore
Daniele Gud Bonomo
(Roma, 1976), laureato in Scien­ze politiche, è diplomato alla Scuola Internazionale di Co­mics di Roma dove dal 2001 insegna Fumetto, Scenografia per l’animazione e Storia del fumetto. Con Tunué ha pub­blicato il saggio Will Eisner. Il fumetto come arte sequenziale (2005), Gentes (2007) e i graphic novel Heidi mon Amour (2009), Gaia Blues (2011), La notte dei giocattoli (2012) su testi di Da­cia Maraini e Tutti possono fare fumetti (2013). È curatore della rivista Mono e responsabile dell’agenzia ComicsProvider.com.

Non mancate:
dal 18 gennaio all’ 11 febbraio 2014
ore 19:30
presso  HulaHoop Club & libreria L’ETERNAUTA,
via Filippo De Magistris 91/93, Roma.

Rassegna stampa:

Gud al Festival delle Arti 2013

Come nasce il disegno di un personaggio? Come si lavora a fianco di una scrittrice come Dacia Maraini? Che differenza c’è tra un graphic novel per adulti e un graphic novel per ragazzi?

Gud risponderà a questa e a mille altre domande, disegnando tutti i vostri personaggi preferiti, durante la presentazione del graphic novel La notte dei giocattoli all’interno del XIX Festival delle Arti di Villa Fogliano, organizzato a Latina dall’Associazione Villaggio Fogliano con la direzione artistica di Renato Chiocca.

L’incontro si terrà sabato 27 luglio alle 18:30 a Villa Fogliano, in via Zani 3.

Qui trovate il programma completo della manifestazione.

Vi aspettiamo!

 

Il graphic novel
A metà strada tra Il soldatino di stagno e Toy Story, La notte dei giocattoli è una fiaba delicata e divertente che parla di rispetto e amicizia e mostra come sia necessario impegnarsi in prima persona per difendere i propri diritti, poiché le ingiustizie sono sempre in agguato e spesso vengono da chi meno te l’aspetti.
Nata come testo teatrale inedito di Dacia Maraini, nel 2012 la storia di Giulia e dei suoi giocattoli è diventata un graphic novel con l’adattamento e i disegni di Gud per Tipitondi, la collana per giovani lettori di Tunué vincitrice del Premio Stefano Beani come miglior iniziativa editoriale.

È notte nella cameretta della piccola Giulia, una bambina dalla fervida immaginazione, quando all’improvviso alcuni vecchi giocattoli prendono vita. Tutto sembra filare liscio fino a quando dal baule dei giochi non esce l’arcigno Uomo d’affari che si dimostra subito prevaricatore, egoista e approfittatore.
Di fronte alla scelta tra il bene e il male, la ragazzina decide di mettersi in gioco guidando la rivolta dei giocattoli contro la prepotenza, per un mondo più giusto e solidale.
Una favola moderna che mostra il valore inestimabile dell’amicizia, della collaborazione e della democrazia.

SFOGLIA L’ANTEPRIMA

Daniele “Gud” Bonomo (Roma, 1976) è laureato in Scienze politiche e diplomato alla Scuola Internazionale di Comics di Roma, dove dal 2001 insegna Fumetto, Scenografia per l’animazione e Storia del fumetto. Con Tunué ha pubblicato anche il saggio Will Eisner. Il fumetto come arte sequenziale (2005) e i graphic novel Gentes (2007), Heidi mon Amour (2009) e Gaia Blues (2011). È curatore della rivista Mono e responsabile dell’agenzia ComicsProvider.com.