Al Napoli Comicon gli eventi e autori Tunué

Napoli Comicon Tunué

Al Napoli Comicon Tunué si presenta con tanti titoli in esclusiva e autori nazionali e internazionali a stand. Ospiti d’onore Alessandro Barbucci (Monster Allergy) che torna in Italia dopo svariati anni assieme a Raphaël Geffray (Non sei mica il mondo). Potrete sfogliare inoltre l’attesissimo graphic novel Rovine di Peter Kuper, vincitore del Eisner Award 2016 e best seller internazionale, presentato in anteprima a Milano a Tempo di Libri.

Dopo aver attraversato tutto lo stivale nel mese di marzo, la famiglia Tunué arriverà anche al Napoli Comicon dal 28 aprile al 1° maggio in pianta stabile al Pad. 1-2 Stand AE09.

Comicon Tunué
Pieni di energie e tante novità, saremo felici di presentarvi i nuovi titoli che usciranno in anteprima per i visitatori della fiera. Assieme allo staff tutto, allo stand troverete gli autori nazionali e internazionali del nostro catalogo di cui sotto vi riportiamo le presenze giornaliere.

Autori Tunué al Napoli Comicon

Alessandro Barbucci (da venerdì a domenica, presente a stand sabato e domenica dalle 15:00 alle 16:30) Monster Allergy
Sergio Algozzino (da venerdì a domenica), Il piccolo Caronte, Storie di un’attesa, Memorie a 8bit
Simona Binni (da venerdì a domenica), Silverwood lake, Dammi la mano
Francesca Carità (da venerdì a lunedì), Le due metà della luna
Christian Cornia (da venerdì a lunedì), Brina
Luca Ferrara (da venerdì a domenica), Dorando Pietri
Otto Gabos (da venerdì a lunedì), Quaderno di disciplina
Raphaël Geffray (da venerdì a lunedì), Non sei mica il mondo
Nicola Gobbi (da venerdì a lunedì), Il buco nella rete
Grazia La Padula (da venerdì a lunedì), Giardino d’inverno
Giulia Priori (da venerdì a lunedì), Monster Allergy
Lorenzo Magalotti (venerdì e sabato), The moneyman
Antonio Recupero (da venerdì a domenica), Dorando Pietri,  Non c’è trucco
Marco Rocchi (da venerdì a lunedì),Le due metà della luna
Luca Russo (da venerdì a lunedì), Incerte stanze
Giorgio Salati (da venerdì a lunedì), Brina
Sualzo (da venerdì a lunedì), Forse l’amoreFiato sospeso
Eva Villa (venerdì, domenica e lunedì), Monster Allergy

Vi ricordiamo che per avere la dedica di Monster Allergy di Alessandro Barbucci occorrerà effettuare la fila il venerdì, sabato e domenica dalle 14:30 alle 16:00.
Sabato e domenica invece potrete vedere l’autore all’opera , dalle 15:00 alle 16:30.
É possibile acquistare sul sito Tunué tutti i titoli Monster Allergy con l’autografo dell’autore fino al 24 aprile e riceverli comodamente a casa dal 4 maggio in poi.

Gli autori saranno i protagonisti dei laboratori a tema nell’Area Comicon Kids:
-venerdì 28 dalle 16:10 alle 17:10
Disegnare e amare i gatti
 con Giorgio Salati e Christian Cornia
-sabato 29 dalle 16 alle 17
Alla scoperta dei giochi
con Nicola Gobbi
-domenica 30 dalle 13:20 alle 14:20
con Marco Rocchi e Francesca Carità
Laboratorio sul graphic novel Tipitondi Le due metà della luna
-lunedì 1° maggio dalle 11 alle 12
Disegnare e colorare Monster Allergy
con Eva Villa
-sabato 29 dalle 12:00 alle 13:00
Music DOJO – 8bit Party
con Sergio Algozzino

Quali titoli porteremo in fiera?
Novità:
Peter Kuper, Rovine
Francesco D’Isa, La stanza di Therese (Romanzi)
Luigi Bernardi e Otto Gabos, Quaderno di disciplina

Anteprime in esclusiva per Napoli Comicon:
Grazia La Padula, Giardino d’inverno
Vecchini e Sualzo, Forse l’amore

Inoltre lunedì 1º maggio presso la Sala Fumetto COMICON dalle ore 11 alle 12 ci sarà l’incontro:

Tunué, tutta un’altra storia
Che editore essere nel 2017 e per i prossimi anni
Intervengono Emanuele Di Giorgi, Massimiliano Clemente, Raphael Geffray, Giorgio Salati, Sualzo e Otto Gabos.

Con tutte le novità, i personaggi e gli eventi, non possiamo che sperare di vedervi in fiera con noi a godere di tutte queste emozioni!
Vi aspettiamo alla Mostra d’Oltremare di Napoli, Piazzale V. Tecchio, 50.
Buon Comicon a tutti!
#StayTunued

Peter Kuper presenta Rovine a Tempo di Libri

Peter Kuper presenta Rovine a Tempo di Libri

L’emozione è alle stelle e l’attesa è quasi terminata: a Tempo di Libri avremo l’onore di ospitare Peter Kuper e di presentare in anteprima nazionale Rovine, il graphic novel vincitore dell’Eisner Award 2016.

La collana Prospero’s Books accoglie l’Eisner Award 2016 Peter Kuper, che da giovedì 20 aprile sarà in tutte le librerie con Rovine: un romanzo a fumetti psichedelico e imprevedibile, che s’interroga sul rapporto tra caso ed esistenza attraverso la vicenda di una coppia in crisi, che cerca di reinventarsi, e di ritrovare se stessa, trascorrendo un anno sabatico a Oaxaca, Messico.

Il viaggio di Samantha e George avviene specularmente a quello di un’elegante farfalla monarca, in un gioco denso di analogie e metafore calate nella cultura di un paese fotografato in tutta la sua straniante e infuocata quotidianità.

Qui, le rovine che danno il titolo al graphic novel diventano il simbolo di laceranti ferite legate al passato, e assumono la forma imponente delle scalinate e dei templi del Monte Alban: costruzioni di una bellezza solida e ipnotica, su cui la Storia ha lasciato un segno indelebile.

Peter Kuper presenterà il volume in anteprima assoluta a Tempo di Libri (22 aprile ore 13.30 – Lab. Elephant Pad. 4) e potrete incontrarlo al nostro stand (Pad. 4 E23 F24) per le dediche e il firma copie:

mercoledì 19, giovedì 20 e venerdì 21
dalle 11 alle 13 e dalle 15 alle 17
sabato 22 e domenica 23
dalle 11 alle 13 e dalle 15 alle 18

Ricordiamo tutti gli eventi Tunué a Tempo di libri o di seguire la pagina dell’evento Facebook.

STAY TUNUED!

Dieci giorni da Beatle al Salerno in Fantasy

Il Dieci giorni da Beatle Tour fa tappa a Salerno. Sergio Algozzino, infatti, è atteso ospite della prima edizione del Salerno in Fantasy e sarà presente sia al Gala di inaugurazione, con un concerto di cover dei Beatles nella serata del 28 agosto, sia nei giorni successivi, per una presentazione del graphic novel, incontri con i lettori e il workshop Fantasy in Comics che si svolgerà in due fasi.

In particolare, il 29 agosto alle 17.00, Sergio Algozzino presenterà Dieci giorni da Beatle sulla bellissima terrazza panoramica che domina l’intera città.
Il 30 agosto alle 16.00 è prevista la prima parte del laboratorio di fumetto e a seguire un incontro con i lettori per rispondere alle loro domande e firmare dediche, mentre il 31 alle 16.00 si svolgerà l’incontro libero con i lettori e alle 17.30 la seconda parte del workshop Fantasy in Comics.

Dieci giorni da Beatle è il graphic novel incentrato sull’incredibile avventura di Jimmy Nicol, il batterista che nel giugno del 1964 sostituì Ringo Starr, in ospedale a causa di una tonsillite, durante le date iniziali del primo tour mondiale dei Beatles. Quante persone hanno sognato di poter suonare, mangiare o anche solo parlare con i Fab Four? Jimmy ebbe questa fantastica opportunità, anche se solo per dieci giorni, e dopo tornare alla normalità non fu semplice come sperava…

 

 

 

L’autore: Sergio Algozzino (Palermo 1978) inizia la sua attività su Piccoli Brividi per la Panini Comics. Nel 2004 inizia la sua collaborazione con Red Whale, sia come disegnatore che come colorista o supervisore. Crea Spider Gek, strip che compare ogni mese sullo Spider-Man italiano a partire dal 2004. Dal 2006 al 2009 pubblica per la Soleil Edition, sul Lanfeust Mag, le strip diEpictete, e nel 2009 esce il volume monografico dedicato al personaggio. Nel 2008 pubblica Ballata per Fabrizio De Andrè. Fra il 2008 e il 2009 pubblica per la 001 Edizioni i volumi Pioggia d’estateComix Show. Nel 2012 disegna l’episodio su Ozzy Osbourne per il volume Hellzarockin’ della Tunuè, scritto da Gianluca Morozzi. Nel 2013 disegna la cover dell’album musicale Banda Larga, di Musica Nuda. Vince il premio Francisco Solano Lòpez come miglior disegnatoreEtna Comics 2013.

Non mancare all’appuntamento!

Salerno in Fantasy
Parco del Seminario di Salerno
Ingresso Parco in Via Valerio Laspro

28 agosto – serata di Gala su invito
intervista e presentazione dell’autore Sergio Algozzino e concerto di canzoni dei Beatles con l’ukulele

29 agosto – ore 17.00
Presentazione del graphic novel Dieci giorni da Beatle sulla terrazza panoramica del Parco del Seminario

30 agosto – ore 16.00
Fantasy in comics: workshop di fumetto e incontro con Sergio Algozzino

31 agosto – ore 16.00 Fantasy in comics: incontro con Sergio Algozzino
ore 17.30 Fantasy in comics: workshop di fumetto

Di altre storie e di altri eroi: mostra di Stefano Casini a Castiglioncello

Dal 23 marzo al 6 maggio appuntamento a Castiglioncello (Livorno) presso la galleria d’arte La Virgola con la mostra del nostro autore e disegnatore Stefano Casini promossa dall’Assessorato alla Cultura del Comune di Rosignano Marittimo. La suggestiva inaugurazione avverrà Sabato 23 marzo ore 17:30 presso auditorium Castello Pasquini.

Durante l’evento si terrà la mostra con esposte le tavole dell’opera a fumetti e l’incontro con l’autore del graphic novel Di altre storie e di altri eroi un racconto che accompagna l’Italia dall’uscita della seconda guerra mondiale fino al boom degli anni Sessanta. Esperienze legate tra loro si susseguono, semplici e drammatiche: la famiglia, i maestri di scuola e di vita, diventano eroi nella fantasia di un ragazzo che si immedesima con l’enfasi e l’ingenuità di un’età che ha bisogno di avventure, mentre un’evoluzione veloce e invadente si avvia a trasformare il mondo per sempre.

Di altre storie e di altri eroi è un racconto che si accende dai ricordi d’infanzia del protagonista: un gruppo di case, un cascinale nella provincia Toscana. Viste e filtrate dagli occhi ingenui di un bambino, le vicende – ora semplici, ora drammatiche – di una generazione di adulti post bellica sono enfatizzate e trasfigurate nelle avventure di eroi quotidiani in cui immedesimarsi: familiari, amici, maestri di scuola e di vita.

Stefano Casini (Livorno, 1958) frequenta l’Accademia di Arti Libere e si diploma in Industrial Design a Firenze. Dal 1991 disegna per la Sergio Bonelli Editore, spaziando da Nathan Never, di cui ha realizzato più di 50 episodi, a Dampyr, ai graphic novel. Pubblica regolarmente anche in Francia e nei più importanti mercati internazionali.

 

Aggiungi al carrello

 

Inaugurazione Sabato 23 marzo ore 17:30 presso auditorium Castello Pasquini

Mostra dal 23 marzo al 6 maggio presso galleria La Virgola, piazza della Vittoria, Castiglioncello (Livorno) venerdì 15:30 – 19:00 sabato, domenica e festivi 10.30 – 13:00 e 1:.30 – 19:00

Vi mostriamo la cartolina d’invito alla mostra:

 

 

L’Eroe 2 vince in Spagna

L'Eroe - David Rubin

El héroe, libro dos vince il premio  Mejor cómic nacional 2012, per i lettori del sito spagnolo Entrecómics. In attesa di scoprire anche in italia il completamento dell’ambizioso progetto creativo di David Rubín, che ha preso quasi quattro anni di lavoro e circa 600 pagine di fumetti a colori, vi proponiamo un estratto della lunga conversazione con l’artista pubblicata sul suo sito ufficiale italiano in occasione dell’uscita del volume nelle librerie spagnole (fine novembre 2012). Per addentrarvi più profondamente nell’atmosfera, potete sfogliare qui alcune delle prime trecento pagine:

 

Avrai impiegato quasi quattro anni per realizzare i due volumi de El héroe. Come è cambiata la storia rispetto all’idea originale?

Ho scritto la sceneggiatura dei due volumi tutta insieme, prima di cominciare a disegnare, perché nella mia testa si trattava di un unico libro, di conseguenza fin dal principio avevo chiara tutta la struttura dell’opera, quel che doveva succedere in ogni capitolo, dall’inizio alla fine. Quel che è cambiato sono molti dei piccoli ingranaggi che creavano questa sceneggiatura iniziale, sono successe molte cose nella mia vita, alcune buone e altre non tanto, da quando, nel 2009, mi son messo a lavoro, e, che ci crediate o no, questo influisce sul lavoro. Per esempio, nel secondo volume ci sono diverse allusioni alla crisi economica e sociale che sta consumando tutto. Mi è sembrato necessario, e del resto la storia me ne dava l’opportunità, parlare di alcuni temi, di usare, in questo secondo volume, il fumetto come quel linguaggio di comunicazione che sempre ho creduto sia, di tentare di smuovere la coscienza della gente nel momento stesso in cui legge un’avventura d’evasione. Il disegno progredisce e migliora dal primo al secondo volume in maniera naturale, e lo stesso personaggio di Eracle cresce e acquisisce maggior complessità nel corso della narrazione; con la sceneggiatura succede lo stesso, progredisce, cambia, si adatta e migliora a seconda del tempo che vivi e delle cose che ti toccano. Una sceneggiatura non è e non deve essere mai rigida o dogmatica, è una guida per non smarrirsi nel lavoro, può essere completamente flessibile e cambiare in corso d’opera.

Nel tuo libro si nota una grande cura dell’aspetto grafico, un segno che combina il moderno con il classico. Perché questa particolare attenzione e come pensi influisca sulla lettura?

Potenzia la lettura e quel che vuoi raccontare, un lavoro grafico riuscito e accattivante, sia a livello della singola tavola che del libro in sé, come oggetto, conferisce maggior rilevanza al contenuto. Puoi preoccuparti del disegno e del colore e scrivere una storia tremenda e come poi la trascuri o te la confezionano male se ne va in malora. Per questo io curo sempre fino all’ultimo dettaglio, dalla carta su cui si stampa il mio libro, se deve essere spessa o grossolana, fino al progetto grafico vero e proprio, per me è importante tanto quanto la storia, quanto il fumetto che contiene. Di fatto, ne El héroe, l’elemento visivo è parte integrante della storia, fornisce informazioni, genera sensazioni nel lettore, lo prepara per la lettura che sta per cominciare.

1 guardas

Parlando della progettazione visiva, uno dei punti forti de El héroe è il concept di personaggi, costumi, mostri, macchinari, edifici… Credo che questo si ricollega molto a Kirby. Dover disegnare tutto questo è stata una sfida o un divertimento? Da dove viene l’ispirazione per tutta questa varietà?

A dire la verità, parlando di studio dei personaggi, in questo libro non ho fatto nessun tipo di lavoro preparatorio: ho realizzato l’aspetto di tutti i personaggi in corso d’opera, mentre disegnavo a matita le tavole. Questo perché fondamentalmente ho passato quasi sei mesi, dei quattro anni trascorsi in questo lavoro, scrivendo solo la sceneggiatura, e alla fine avevo abbastanza chiaro l’aspetto che doveva avere ciascun personaggio. Poi succedono sempre cose nuove, per esempio il personaggio di Atlante non l’avevo chiaro fino al momento di disegnare le pagine in cui compariva, e fu allora che mi venne in mente come risolvere il problema di come fargli reggere la “volta celeste”, visto che ovviamente non si poteva fare come si racconta nel mito, perché sarebbe sembrato ridicolo rispetto al tono che avevo scelto fino a quel punto, e quando mi venne in mente come realizzare il personaggio tutto si è risolto come per magia. Non ho realizzato nemmeno uno storyboard, né nel primo né nel secondo volume, da una parte perché, appunto, avevo tutto abbastanza chiaro, dall’altro perché penso che tolga la freschezza e la forza dell’ispirazione, cioè proprio quel che ci tengo a trasmettere ai lettori.

[Se volete continuare a leggere l’intervista a David Rubín, potete trovarla in versione integrale sul suo blog italiano ufficiale]