Tunué racconta il SalTo16 Parte Prima

LogoSaloneLibro

 

Il mese di maggio è stato fondamentale dal momento che abbiamo partecipato anche
quest’anno al Salone Internazionale del Libro di Torino!
Nella piazza più importante a tema libro abbiamo cercato di far passare il nostro concetto di “tutta un’altra storia” diffuso da poco in rete con il nostro spot promozionale.
Ora lasciamo parlare ogni membro della propria esperienza, degli incontri e anche gli acquisti fatti durante la manifestazione svoltasi al Lingotto Fiere.
QUI potete leggere la seconda parte del nostro diario di viaggio.
Buona lettura!

Simone Tribuzio (social media e addetto stampa)

«Non era prevista la mia presenza al Salone per far partecipare il nuovo arrivato Marco Ciotola, collega che sta
affiancando me e Isabella nella comunicazione/ufficio stampa.
Ma lunedì mattina è andata diversamente:

Emanuele (amministratore e co-fondatore della casa editrice) fa:
“dal momento che uno dei grafici non potrà presenziare a Torino, chiediamo a Simone se vuole venire.”

Non era passato neanche mezzo secondo che già volevo preparare la valigia!
Da qui la mia esperienza al Salone Internazionale del Libro (il secondo per giunta) è stata un crescendo di emozioni.

Dal primo giorno mi sono confrontato con tutti i tipi di clienti, dai semplici curiosi fino agli affezionati che già
conoscono bene il nostro catalogo, attirati alle anteprime portate in fiera e dagli autori disponibili in quei giorni per
la sessione dediche.
Dentro il nostro stand si era creata quell’atmosfera sognante che tanto piace a chi vive nel mondo delle parole:
un’oasi frequentata dai lettori e dagli opinion leader, blogger/giornalisti e gli amici librai che sempre ci sostengono e si complimentano con noi per l’operato editoriale svolto all’interno dell’azienda.
Un enorme ringraziamento va a Carola che ci ha aiutato nelle cinque intense giornate torinesi!»


Bottino preso d’as/Salto (libri comprati)

– More fun (Coconino Press) di Paolo Bacilieri
– Il genio dell’abbandono (Neri Pozza) di Wanda Marasco
– Conforme alla gloria (Voland) di Demetrio Paolin
– L’addio (Giunti) di Antonio Moresco
– Quella luce negli occhi (Clichy) di Bennett Sims

E il romanzo d’esordio del mio collega Marco Ciotola Riscenziello (Rogas Edizioni)!

Giulia Tangini (Commerciale)

«Riempita la valigia di “non si sa mai” senza dimenticare beni di primaria necessità come i cristalli liquidi per capelli e capi di tessuti improbabili, ho intrapreso il mio primo Salone da addetta ai lavori al fianco del Lord Commander Marco Ruffo Bernardini, Direttore commerciale di Tunué, e degli altri valorosi colleghi che, nonostante i riferimenti eviterò di soprannominare “corvi.”

Raccontare quanto c’è stato tra il mercoledì prima e il martedì dopo il Salone mi risulta abbastanza difficile, anche perché alcune emozioni sono vezzose e  inenarrabili e se non ci è riuscito Leopardi figuriamoci io.
Quel che posso dire è che il Salone del libro di Torino è stato un momento di scambio e confronto sopratutto con i librai, vecchi e nuovi, che ci sono venuti a trovare a stand e con i quali ho potuto relazionarmi vis-à-vis. àOltre che con loro, il raffronto c’è stato anche con i lettori, lettori diversi da quelli incontrati fino a quel momento alle fiere del fumetto, ma comunque curiosi e ben informati.
Come già accaduto durante le altre manifestazioni, anche in questo caso, Torino è stata anche l’occasione per sedermi a discutere con i miei colleghi non esclusivamente di lavoro e  per consolidare ancor di più un gruppo ben collaudato e molto unito anche quando c’è da preparare la cena e lavare i piatti.»

Non posso che concludere il mio breve reportage con la lista dei libri acquistati che ha tanto da dire su di me e su chi mi ha accompagnato in questa esperienza.»

Bottino preso d’as/Salto (libri comprati)

Picnic sul ciglio della strda – Stalker, Arcadi e Boris Strugatzki, Marcos y Marcos.
Consigliatomi di Diego, grafico di Tunué e compagno di stanza.
Che ne è stato di te, Buzz Aldrin?, Johan Harstad, Iperborea.
Conforme alla gloria, Demetrio Paolin, Voland, Uno dei 12 libri rimasti al Premio Strega 2016.
Cosa non va in questo libro?, Richard McGuire, Corraini Edizioni.
Il gatto Murr, E.T.A. Hoffmann, L’Orma.
Stoner, John E. Williams, Fazi editore
Riscenziello, Marco Ciotola, Rogas edizioni


Autore dell'articolo: Emanuele Di Giorgi